‘La sostenibilità ambientale. Un manuale per prendere buone decisioni’. Realizzato da ENEA, scaricabile gratuitamente

In occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, l’ENEA ha presentato la prima Guida nazionale di best practices per orientare le Amministrazioni locali verso scelte eco-sostenibili. Disponibile online gratuitamente all’indirizzo www.enea.it, il volume “La sostenibilità ambientale. Un manuale per prendere buone decisioni” nasce dal lavoro di circa 70 ricercatori ed esperti, molti dei quali giovani under 30 provenienti da Università e Istituzioni pubbliche e private.


Riporto di seguito il comunicato diffuso. Considerato che a volte, tocca dirlo, si trovano a fare gli assessori all’ambiente, persone che prima pensavano che fosse “green” portare i figli allo zoo, ritengo che la guida sia un buono strumento per saperne di più e magari capire il proprio ruolo all’interno di una giunta.

Articolato in 27 capitoli suddivisi in sei macroaree, “Sostenibilità, Scienza e Sistemi”; “Le risorse naturali”; “Trasformazione e utilizzo delle risorse”; “Gli spazi umani”; “Conseguenze della presenza umana” e “La sostenibilità come sfida del futuro”, il manuale vuole essere una guida pratica, per supportare i decisori politici nella gestione di temi complessi come acqua, aria, clima, suolo, biodiversità, ambiente marino, prevenzione sismica, elettromagnetismo, rifiuti e dissesto idrogeologico.

“Le maggiori difficoltà di un amministratore locale consistono nel combinare le buone pratiche ambientali con quelle legate all’economia del territorio – spiega Gaetano Borrelli, ricercatore ENEA che ha coordinato il manuale – per questo abbiamo voluto fornire uno strumento pratico per i decisori chiamati a gestire problemi complessi, in linea con la tradizione dell’ENEA nel fornire supporto tecnico-scientifico alle Pubbliche Amministrazioni nelle politiche ambientali, energetiche, dell’innovazione e dello sviluppo economico sostenibile”.

Fra i temi oggetto del manuale per amministratori e decisori pubblici, anche la gestione di aree industriali dismesse, l’aumento dei livelli di inquinamento nell’aria, l’uso dell’energia prodotta a livello locale, la produzione agroalimentare, le attività di pesca e le foreste sul territorio. “Tutto ciò – conclude Borrelli –all’insegna di una riformulazione in chiave ecologica del rapporto tra amministrazioni locali, istituzioni tecnico-scientifiche e cittadini“.

Il testo completo e l’executive summary sono disponibili sul sito ENEA al link
http://www.enea.it/it/produzione-scientifica/edizioni-enea/2015/sostenibilita-ambientale

Per maggiori informazioni:

Gaetano Borrelli, Centro Ricerche ENEA Casaccia. [email protected]

Last Updated on

Letizia Palmisano Giornalista Ambientale

La sostenibilità non è solamente nel saper fare, ma anche nel far sapere. Letizia Ecoblogger e giornalista ambientale