ODGsocial Primo piano Social media & web 2.0 twitter

Come utilizzare (bene) i social per comunicare un evento [iscriviti alla newsletter e scarica e-book]

Questo libro nasce dall’esperienza di Veronica Caciagli e mia (Letizia Palmisano) nella organizzazione e gestione de social network durante alcuni eventi (sagre, presentazioni, conferenze, fiere, ecc). Abbiamo deciso di condividere i primi 10 step. Nessun segreto, solamente buone regole per comunicare un evento grazie ai social network.

Cliccate qui per iscrivervi alla nostra newsletter. Nei prossimi giorni riceverete il link per scaricare

GRATUITAMENTE

l’ebook estratto da

I Social Network per gli Eventi

Il libro che ti spiega come comunicare un evento tramite i social.  L’estratto ti spiega i primi 10 passi fontamentali da realizzare, attraverso i social, nell’organizzazione e divulgazione di un evento.

Se invece volete saperne di più sull’ebook ecco qualche curiosità:

Come nasce questo ebook gratuito:

In principio ci furono gli eventi

In principio furono le lezioni sulla comunicazione 2.0, in particolare organizzate per i comunicatori e per l’ordine dei giornalisti. O forse no. Ricominciamo.

In principio ci furono gli eventi. Una volta pubblicizzati (a seconda del livello) attraverso uffici stampa, pubblicità locale o nazionale (su giornali, radio, tv o con manifesti in giro).

green tandem logo animatoSeguì poi la comunicazione web, anche qui a lungo con forme pubblicitarie (ad es. banner e pubbliredazionali). Mentre l’utilizzo dei social già imperversava, spesso (purtroppo) il ricorso di questi strumenti di comunicazione da parte degli organizzatori di eventi, festival e fiere era ancora scarso.

I canali social aperti a casaccio…

Non di rado i canali 2.0 aperti perché “ce li hanno tutti” erano brutte copie dei siti internet e se arrivava una richiesta via social… panico, paura. Quasi sempre si rispondeva ad evento finito (se c’era una urgenza, beh era onere dell’utente alzare il telefono e chiamare il centralino) o, addirittura, non si forniva alcuna risposta.

La svolta… un po’ alla volta

Ecco, questo è stato il principio di tutto, non secoli fa, ma pochi, pochissimi anni addietro.

Ma da dove partire per fare un salto non nel futuro, ma nel presente?

C’è chi ha provato ad improvvisarsi o ad affidare al malcapitato di turno (addetto dell’area marketing o nell’ufficio stampa) l’arduo compito di seguire anche i social. C’è poi chi, magari dopo un buco nell’acqua con qualche tentativo rattoppato, ha deciso di rivolgersi a persone che di social (e di comunicazione di eventi) ne sapevano di più. Grazie al passaparola, a conoscenze dirette o (audite audite) semplicemente via web, beh in più di un caso una telefonata sul come fare è arrivata a me e/o a Veronica Caciagli che da anni ci siamo specializzate sulla comunicazione attraverso questi canali.

Qual era la richiesta?

(Finalmente) capire come gestire in maniera corretta i social nel corso di un evento. Ovvero usare i canali social… da social: comunicazione 2.0, interazione, assistenza all’ufficio stampa e via dicendo.

Dalle diverse esperienze messe in campo sono nate spesso lezioni ai master o ai corsi. La richiesta sempre maggiore di saperne di più mi ha poi portato a scrivere, quando possibile, qualche articolo sul mio blog o qualche intervista ad esperti della comunicazione 2.0. Raccogliendo slide e domande di questi anni è partita la redazione a 4 mani di un libro sull’argomento. Il libro è ancora in progress…

Nel frattempo, però, se ho messo alla prova la vostra curiosità, potrete andare sul sito www.greentandem.it e scaricare un ebook. L’abbiamo scritto Veronica ed io e riguarda i primi 10 passi fondamentali da percorrere per gestire correttamente ii social di un evento.

Vi riporto qualche riga dell’incipit

“Può trattarsi della presentazione di una nuova campagna, una fiera di settore o una due giorni di formazione: la comunicazione sui social network di un evento è divenuta una parte importante della strategia comunicativa.

A un occhio inesperto, può sembrare che la comunicazione social, in quanto veloce e immediata, sia elaborata interamente durante l’evento. In realtà è come una Prima alla Scala: chi assiste, sente e vede solamente chi sta sul palco e l’orchestra e forse fugacemente qualche assistente di regia; ma il lavoro che precede lo spettacolo è invece molto imponente. Allo stesso modo, è la preparazione di un evento la chiave del successo di comunicazione tramite i social”.

Buona lettura e aspetto i vostri feedback che saranno utilissimi per il proseguo della redazione del libro.

 

Last Updated on

Twitter

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest