Anche Corona Save The beach scopre la bioplastica :-)

Non potevo non riportare il post di… http://www.coronasavethebeach.org/tutto-si-crea-e-nulla-si-distrugge-e-tempo-di-bioplastica/

E per avere info sui prodotti di bioplastica cliccate qui

Lo sapevate che un chewing-gum ci impiega ben 5 anni ad essere ‘digerito’ dal terreno su cui l’avete indifferentemente gettato?

Ebbene sì, la maggior parte delle sostanze che noi produciamo e utilizziamo nella normale vita quotidiana, non sono biodegradabili, o meglio, hanno tempi incredibilmente lunghi, in proporzione alla loro misure. Come funziona la biodegradabilità? Esiste in natura un batterio in grado di estrarre degli enzimi particolari dalle sostanze organiche, come ad esempio la carta, che le decomporranno in elementi più semplici per poi permettere l’assorbimento da parte del terreno. Esistono però materiali inorganici che a causa della loro composizione chimica, non possono essere assorbiti dal suolo, rimangono quindi immutati nel tempo, contribuendo così all’inquinamento. La plastica, ad esempio, è un prodotto non biodegradabile, è formata da carbonio, idrogeno e ossigeno: questi elementi, presi singolarmente, sarebbero decomponibili, ma tutti insieme formano una molecola troppo complessa per essere decomposta in natura. E’ stata inventata quindi la bioplastica,  per l’appunto biodegradabile, composta da materie prime rinnovabili annualmente. Il tempo di smaltimento di una busta per la spesa in bioplastica, ad esempio, è di qualche mese, a differenza dei 1000 anni di una busta normale.

Sono sempre più numerosi i prodotti biodegradabili e reciclabili che stanno entrando nell’uso comune. Dai contenitori in polpa di cellulosa alle posate in MaterBi, ossia un nuovissimo materiale a base di amido di mais, guanti, penne e detersivi a base vegetale che rivelano interessanti vantaggi, anche rispetto alla ormai consueta lavorazione diriciclaggio dei materiali.

La biodegradabilità permette innanzitutto una riduzione dei costi di smaltimento nelle discariche, meno energie impiegate nella compressione dei rifiuti, meno emissione di fumi tossici negli inceneritori e persino una produzione di contenitori alimentari meno nocivi e propensi all’alterazione dei cibi, per non parlare della riduzione notevolissima dell’impatto sull’ecosistema in cui viviamo.

Ecco una tabella dei prodotti NON biodegradabili e del tempo che ci impiegano ad essere assorbiti dalla natura:

fazzoletti di carta  3 MESI

torsolo di mela 3-6 MESI

giornali 3-12 MESI

sigarette 5 MESI

fiammiferi 6 MESI

buccia di banana 2-3 ANNI

chewing-gum 5 ANNI

lattina di alluminio 10-100 ANNI

accendino  di plastica 100 ANNI

bottiglia di plastica DA 100 A 1000 ANNI

sacchetto di plastica (non biodegradabile) 100-1000 ANNI

pannolini  500 ANNI

polistirolo 1000 ANNI

bottiglia di vetro  4000 ANNI

Pensiamoci un attimo prima di gettare qualcosa per terra, alle generazioni future non piacerebbe ricevere come patrimonio ‘storico’ i nostri rifiuti!!

Last Updated on

Letizia Palmisano Giornalista Ambientale

La sostenibilità non è solamente nel saper fare, ma anche nel far sapere. Letizia Ecoblogger e giornalista ambientale

2 pensieri riguardo “Anche Corona Save The beach scopre la bioplastica :-)

  • Pingback: Anche Corona Save The beach scopre la bioplastica :-) | Directory Gratis

  • Pingback: Anche Corona Save The beach scopre la bioplastica :-) | Tutto in Vista

I commenti sono chiusi.