Ricordiamo Anna Politkovskaja

Ho ricevuto da Andrea Riscassi la seguente e-mail che pubblico e spero vogliate diffondere e fare altrettanto

E in premessa ne approfitto per segnalarvi che in questi giorni si ricorda Anna Politkovskaja a Roma al Teatro allo Scalo. (vi posto la locandina. Cliccate sul teatro per avere informazioni.)

ECCOVI IL TESTO DI ANDREA:

Il prossimo 7 ottobre saranno passati tre anni dall’omicidio di Anna Politkovskaja, indimenticabile giornalista russa assassinata perché raccontava le cose che vedeva, in Cecenia come a Mosca.
In un mondo globalizzato e unito dai gasdotti, crediamo che tale ANNAvivaomicidio non venga dimenticato, che debba rimanere vivo delle coscienze, se non delle autorità, della gente comune.
La politica occidentale fa affari con la “Russia di Putin” e come ha taciuto per la mattanza cecena, finge di indignarsi, ma se ne frega degli omicidi di giornalisti e difensori dei diritti umani nella Federazione Russa. Omicidi tutti rimasti impuniti come quello della Politkovskaja, di Markelov, della Baburova, della Estemirova, della Saludaeva, per citare solo quelli che hanno avuto eco in Occidente.
L’associazione Annaviva (nata per tener viva la memoria di Anna Politkovskaja) vorrebbe che il 7 ottobre diventasse una data “per non dimenticare” quel che accade e per ribadire con forza la richiesta di giustizia.
Per questo abbiamo preparato il banner che vi mandiamo
(QUELLO AL LATO, non la locandina in alto NDR) e che vi chiediamo di porre sull’home page del vostro sito, del vostro blog, delle vostre finestre virtuali su Facebook, Twitter, Myspace & co.
Noi non vogliamo dimenticare. E siamo certi che neanche voi lo volete fare.

Ad maiora

Se non potete eliminare l’ingiustizia, almeno raccontatela a tutti. Ali Shariati.

Per info tecniche: [email protected]

ACQUISTATE IL LIBRO “ANNA E’ VIVA” DI ANDREA RISCASSI, SONDA EDITORE. NELLE LIBRERIE FELTRINELLI E, A MILANO, ALLA LIBRERIA POPOLARE DI VIA TADINO. I PROVENTI FINANZIANO ANNAVIVA.

Letizia Palmisano Giornalista Ambientale

La sostenibilità non è solamente nel saper fare, ma anche nel far sapere. Letizia Ecoblogger e giornalista ambientale