Con i Tartapacchi aiuti le tartarughe e regali la gastronomia di Libera

A Natale scegli un regalo che vale il doppio! 

Io l’ho fatto! E chi lo ha ricevuto ha davvero davvero apprezzato tanto! Per questo condivido con voi il comunicato stampa. Il primo che ha apprezzato è mio figlio Bruno, vero piccolo grande ambassador di famiglia 🙂

I tartapacchi nascono con un obiettivo preciso: Tutelare della biodiversità e delle eccellenze Made in Italy: questo l’impegno della campagna Tartalove per la salvaguardia delle tartarughe marine

Per un regalo di Natale ricco di valore, condito da tante bontà, la campagna Tartalove di Legambiente lancia i pacchi natalizi in collaborazione con il Consorzio Libera Terra Mediterraneo. In occasione delle festività natalizie 2020 la campagna Tartalove, che da più di 3 anni si occupa della salvaguardia delle tartarughe Caretta caretta, dà la possibilità di fare ad amici e parenti un regalo dal valore doppio: tutelare la biodiversità dei nostri mari e supportare i prodotti biologici e Made in Italy coltivati dalle terre liberate dalla mafia. Un dono per i propri familiari ed amici ma anche per la biodiversità, infatti regalando uno dei pacchi natalizi Tartalove 2020 si sosterranno le attività dei Centri di recupero e soccorso di tartarughe marine gestiti da Legambiente.

Due le versioni dei pacchi a disposizione negli store online: “Cavalluccio marino” e “Stella marina”, altre due specie a rischio estinzione, ma sempre con contenuti dal vero sapore mediterraneo: il vino Giato Nero D’Avola-Perricone Sicilia Doc, la Marmellata di Arance Rosse Biologica, e poi paté, pasta, tarallini Pugliesi Biologici e tanti altri prodotti da gustare durante le feste, a beneficio anche delle tartarughe marine.

La specie Caretta caretta è infatti ancora a rischio estinzione, ogni anno migliaia muoiono a causa della pesca, del traffico marittimo e dell’inquinamento. Sono tantissimi i casi di tartarughe accidentalmente intrappolate nelle reti dei pescatori o impigliate negli ami, oppure episodi di ingestione di plastica scambiata per cibo. Nel 2019, grazie alla campagna Tartalove, ai volontari e ai suoi sostenitori, sono stati salvati, curati e rimessi in libertà oltre 100 esemplari. Questo grazie al lavoro incessante dei quattro Centri di recupero e soccorso a Manfredonia in Puglia, Talamone in Toscana, Pollica in Campania e Favignana in Sicilia. Ma la campagna Tartalove si prende cura delle tartarughe prima ancora della loro nascita, infatti, ogni estate decine di volontari si organizzano in Tarta – team impegnati nel monitoraggio degli arenili per proteggere i nidi di mamma tartaruga e realizzando diverse attività di sensibilizzazione e informazione verso turisti, bagnanti e gestori di stabilimenti balneari. Un network operativo che, però, comporta oneri e costi sostanziosi che tutti possiamo contribuire a sostenere aderendo alla campagna Tartalove di Legambiente e adottando un esemplare tra quelli curati e rimessi in libertà.

«Grazie all’impegno dei suoi operatori e dei volontari, Legambiente svolge queste attività costantemente – dichiara Stefano Di Marco, responsabile campagna Tartalove – Adottare una tartaruga marina a Natale sarà anche un modo nuovo e sostenibile per stare vicino a parenti e amici lontani da noi. Scegliendo direttamente online la tartaruga da adottare e il pacco di prodotti allegato, si potrà inviare un bel regalo ai propri cari e sostenere la natura. L’orizzonte della campagna Tartalove è la tutela della biodiversità, e a Natale, grazie all’iniziativa in tandem con il Consorzio Libera Terra Mediterraneo, abbraccia anche la giusta causa della promozione dei prodotti biologici e Made in Italy. Tutto in sicurezza, rimanendo a casa e collegandosi con il sito tartalove.it».

Last Updated on

Letizia Palmisano Giornalista Ambientale

La sostenibilità non è solamente nel saper fare, ma anche nel far sapere. Letizia Ecoblogger e giornalista ambientale