Roma è invasa dai rifiuti?! Prima regola: imparare tutti a ridurli! Dipende da noi

Rifiuti prenestino

Roma è invasa dai rifiuti. I romani si indignano con la presunzione che sia sempre un Deus ex machina a risolvere la situazione, come se i rifiuti ogni giorno comparissero per caso e come eventi metereologici, senza una fonte, una responsabilità umana. Cari concittadini,  se smettessimo di guardare il dito, vedremmo una montagna di spreco, di strafottenza per la differenziata (che vuol dire GreenEconomy ovvero posti di lavoro), di incapacità a gestire le risorse. I rifiuti non scompaiono per magia. Nulla si distrugge, tutto si trasforma. Provate a immaginare in cosa… ecodallecittaOggi una buona azione in più facciamola! Acquistare prodotti con meno packaging (o sfusi), usare ciò che è riutilizzabile, conferire correttamente nella raccolta differenziata… Mettere a dieta la pattumiera dipende da noi. Le responsabilità delle pubbliche amministrazioni ci sono. Ma le pubbliche amministrazioni sono fatte di persone. Sono convinta che se noi Romani avessimo una maggiore coscienza ecosostenibile e attenzione agli sprechi, avremmo anche amministratori pronti a fare politiche coerenti. Non foss’altro che delle politiche di decoro e ambiente la gran parte dei cittadini si disinteressa al momento del voto. Le nostre strade lo dimostrano. Quei rifiuti sono lo specchio delle nostre incapacità di cittadini. Ma migliorare si può, si deve. Altrimenti prepariamoci al prossimo sport olimpico: lo slalom tra i rifiuti. Se non sapete da dove cominciare, su Eco dalle città c’è una pagina di riepilogo veloce e pratica. Il miglior rifiuto? E’ quello che non viene prodotto Buona ecosostenibilità a tutti, ne va del nostro futuro

Last Updated on

Letizia Palmisano Giornalista Ambientale

La sostenibilità non è solamente nel saper fare, ma anche nel far sapere. Letizia Ecoblogger e giornalista ambientale