influencer Primo piano Social media & web 2.0

Ristoranti sul web. A che punto siamo? Ce lo racconta Nicoletta Polliotto

Nicoletta Polliotto è project manager, consulente, content curator e brand strategist per aziende Food & Travel. Cura – tra le varie attività – anche una rubrica social: #PensieriBalenghi. È sempre un piacere e molto interessante leggere ed ascoltare i suoi contributi. Così mi sono venute in mente alcune domande… 2.0 sul mondo della ristorazione. Ho deciso di fargliele in una intervista. Ecco a voi le risposte!

Perché è importante per un ristorante diventare Digital?

Come voce di spesa alimentare fuori casa, la ristorazione italiana tiene e ha chance rinnovate anche con alternativi sistemi distributivi (crescono il take-away e il food delivery).

In Italia, però, pur attraversando una fase di crescita, la ristorazione non brilla e fatica ad abbracciare il “futuro”. Ormai la metà degli italiani scrive recensioni e cerca il locale tramite smartphone, più di 4 milioni di persone ordinano con il food delivery e il 70% vorrebbe prenotare il tavolo online. Quattro persone su cinque fanno una ricerca in Rete prima di prenotare un ristorante e leggono almeno sei recensioni per decidere dove andare.

Le abitudini di ricerca e di contatto dei clienti si sono nettamente spostate e non possiamo più ignorarle. La dotazione tecnologica e la cultura digitale dei ristoratori non è un gradevole e sorprendente optional! Ormai è una condizione irrinunciabile per proseguire il loro business.

Secondo te oggi su 100 ristoranti, in media quanti hanno propri canali web (e quanti fatti bene)?

C’è una bellissima e recente ricerca di Fiera di Bolzano che ha fatto il punto sulla situazione dei ristoranti italiani (stellati compresi) e il risultato è desolante: quasi tutti i ristoranti hanno un proprio spazio web, ma più del 50% dei siti ha seri problemi di posizionamento, incorrendo spesso in errori o lacune tecniche importanti (e quindi si fatica a trovarlo attraverso i motori di ricerca) e appena il 24% aggiorna con costanza la propria pagina aziendale su Facebook. Il booking online, però, è già una realtà per un locale su due sia attraverso portali di restaurant booking online o – più raramente-  con un sistema di prenotazione diretta. Questo non è sufficiente: un programma di vendita dei tavoli si deve innestare in un progetto organico, strutturato e coerente.

Anche i produttori alimentari hanno una presenza web imbarazzante: considerate che i siti web di nove consorzi su dieci sono infatti «invisibili» sul web, il 33% deve ancora aprire una propria pagina su Facebook e appena il 45% dei portali prevede un’altra lingua oltre all’italiano. Figuriamoci le piccole medie imprese agro alimentari e le micro aziende familiari di produzione e trasformazione… un disastro!

Quali sono gli ingredienti fondamentali di un sito web di un ristorante?

Il sito web allo stato attuale è rilevante e fondamentale poiché rappresenta, per il ristoratore, l’unico spazio web di personale e insindacabile proprietà e controllo. È il luogo ideale per applicare le proprie strategie marketing, fare branding (personal e corporate), comunicare la propria storia, raccontare il menù, segnalare offerte ed eventi, vendere tavoli e pasti speciali, fare digital PR, fare brand positioning, fornire informazioni utili per i propri clienti e creare una community di foodies e di fan.

Intanto dev’essere Mobile First (60/70 utenti su 100 si collegano da Mobile) quindi va progettato pensando in primis a questo approccio di fruizione. Deve poi essere Content First (parti dai contenuti che devi includere sul web site per valorizzare ed evidenziare l’unicità della tua offerta e poi procedi con l’architettura dei contenuti). Va poi progettato in modo tale da farsi trovare con facilità dal target di riferimento considerando quindi la mentalità di ricerca e selezione della clientela. Tutto poi dev’essere incentrato sull’esperienza e il benessere del lettore: belle immagini descrittive ed evocative e pochi testi utili e semplici. Insomma per essere un buon sito web dev’essere una risposta a tutte le domande che il tuo pubblico ti vuole rivolgere.

E gli ingredienti social?

Qui la faccenda si amplia. Mentre il sito web è uno spazio di proprietà e gestione esclusiva i social media sono canali in “prestito”, dove si acquisisce uno spazio e si cerca di guadagnarsi un posizionamento. Sono luoghi earned, dove ti conquisti visibilità, gradimento, successo. Possiamo esprimere questo successo con quello che viene definito engagement, ossia coinvolgimento e risposta da parte di un gruppo di fan che ci auguriamo essere sempre più numerosi, ma al contempo mirati e interessati e attivi. Con i social media creiamo reti di relazioni che dobbiamo coltivare con contenuti interessanti postati con il giusto ritmo e nei momenti più congeniali ai nostri lettori, ma anche con risposte ai commenti e alle recensioni. Il brand deve produrre buoni contenuti, valorizzare i contenuti prodotti dai clienti (es foto, post, recensioni) e nutrire costantemente le relazioni. Inoltre spesso diventano luoghi paid, ossia in cui i contenuti devono occupare degli spazi acquistati attraverso sistemi di pubblicità su questi canali.

Non basta essere spiritosi e prolifici con foto di piatti e emoticon ammiccanti: occorre professionalità e capacità strategica oltre che produzione di contenuti interessanti.

Parliamo un po’ di te (così da poter essere di ispirazione magari per chi è agli inizi o vuol migliorarsi)

Che dire … sono project manager, consulente, content curator e brand strategist per aziende Food & Travel, con la mia agenzia Muse Comunicazione. http://www.musecomunicazione.it/

Esperta di food & restaurant marketing, gestisco l’unico blog in Italia dedicato alla comunicazione digitale per Ristoranti: CnR – Comunicazione nella Ristorazione.  http://www.comunicazionenellaristorazione.it/ Responsabile scientifico di manifestazioni legate al digital marketing per il food (BTO Firenze 2019, Cibiamoci 2018) e conference speaker in eventi specialistici di Digital Food & Tourism, collabora, tra gli altri, con FIC, BTO, BTM, TTG, SMAU, BIT, Social Media Week, Torino Web Marketing Meeting.

Sono docente di Digital e Social Media Marketing presso Fipe Academy, Confcommercio e Confesercenti, CNA, Gambero Rosso, LUISS Business School, IED, ITS di Lecce, Vieste, Jesolo e IATH di Cernobbio e in IHMA. Formatore certificato ParoleOstili.

Lo scorso 6 aprile 2018 ho pubblicato il mio secondo libro dedicato al Digital Food Marketing con Hoepli Editore, dopo il precedente — Ingredienti di Digital Marketing per la Ristorazione — edito da Dario Flaccovio Editore.

Sono curatrice della nuova collana Hoepli dedicata al turismo e alla ristorazione.

Vegetariana da 25 anni, vivo (benissimo) a Torino, senza automobile e senza televisore, nutrendomi di web, cinema, letteratura, arte, cultura e musica. Mi diverto viaggiando e assaporando del buon vino (meglio se rosso).

Qual è stato il tuo percorso? Come sei diventata un’esperta e una influencer del digital food marketing?

In realtà la mia formazione è umanistica ed artistica: dopo aver conseguito il diploma in pianoforte ho scoperto il marketing applicato al mondo discografico. Mi sono quindi innamorata di altre tastiere e dai leggii sono passo ai monitor. Con la mia agenzia ho iniziato prima ad occupami del settore biologico e poi soprattutto del turismo e hotellerie. Arrivare alla ristorazione è stato un passo naturale e spontaneo: l’altra faccia della medaglia brillante che è l’accoglienza italiana.

Nessuno aveva pensato a un blog dedicato ai ristoratori, che io guido da circa 9 anni, per accompagnarli verso una cultura rinnovata d’impresa e attraverso una trasformazione digitale che come accennavo ritengo ormai discriminante! Chi non innova non dura!

E da qui i miei libri… e tutto il resto.

Ora un’altra grande conquista (o sfida, dipende dal punto di vista): sono stata nominata curatrice di una nuova collana dedicata all’accoglienza e qui, nell’era del Food &Wine Tourism, finalmente il mio sogno di unire i miei due universi si avvera.

Per iniziare a comprendere e penetrare un argomento o iniziare a strutturare una competenza occorre studio, lavoro, confronto e moltissima umiltà.

E ora consigliaci un influencer nel settore food / ristorazione / wine che ci suggeriresti di seguire (ovviamente sui social)

Nel salutarvi vi consiglio la wine blogger Susana Alonso https://www.facebook.com/susana.alonso.750

Non perdetevi poi i podcast di Giorgio Minguzzi e il suo Meritabiz https://www.merita.biz/podcast/

Su instagram seguite il pasticciere cedric grolet https://www.instagram.com/cedricgrolet/

Ultimamente mi piace molto la comunicazione del ristorante Mi Scusi di Milano.

E i progetti di Vatinee suvimol, che non sbaglia mai un colpo! 🙂

Vi saluto e keep in touch….

 

Letizia Palmisano

giornalista ambientale social media manager

Scopri GreenTandem

Green Social Media Manager

Twitter

Seguimi su Facebook

Aggiungimi su Google Plus

Adotta una tartaruga con TartaLove

Seguimi su Pinterest